Karrol Nano – Punto e virgola

Letra “Karrol Nano – Punto e virgola” Official Lyrics

Intro

Signori quest aereo ha una prima classe unica!
Dotato di sensori che permettono in qualunque postazione voi siate seduti
Di scegliere se godere o meno della vista dal finestrino, della vista dal pilota
O del completo isolamento circostante
Come se a diecimila metri, voi, steste volando su una sedia ai novecento ottanta chilometri all’ora

Strofa 1

Papà per noi all’arrembaggio, va a lavorare in monopattino a Gennaio
Creo chance chiеdendomi quando tocca a me, l’unica volta in cui so cos’è quel non so chе
Yo! Abbracciami come mi ami, se corro a braccia aperte volo. Arte unisci la gente, perché l’artista si sente solo?
Non darla per rotta se cigola
Resisti il blackout, promesso, vedrai meglio di prima

Ritornello

Virgola, virgola
Non è per forza così, è cosà
Virgola, virgola
Non ti sentire ridicola
Vivila, anche se è una briciola
Piccola, piccola
Virgolaaa

Virgola, virgola
Vivida canzone infinita
Virgola, virgola
Chi c’è dietro c’ho che limita?
Sei la tua sfida in questa partita
Virgola, virgola
Virgolaaa

Strofa 2

Mama sarò fortunato, senza scuole non so se mi sarei integrato
Incinta per mano con ‘na bambina, spunta uno armato da dietro a dirle: “Cammina!”
Le mamme dei miei compagni scontavano elemosinassi al supermercato, invece sono qui che corro in ballo al fato
Su una cinquecento grande come certi posti in cui in ho abitato
Appunto commosso mentre m’impappo, punto a fermare il male continuando ad andare a capo, m’impunto grazie ai punti che mi hanno spezzato e i puntini sulle “i” di cui ero imbarazzato
Ho calciato il pianeta dal disappunto raggiunto, l’ho svirgolato preso dalla rabbia e ho fatto un punto!
L’aggiusto non la butto, “tanto”
È abbastanza per avere un rimpianto quindi do tutto
Sarò l’ultimo testo della conversazione ferma su dei punti di sospensione, voglio dar bene anche se si fan male le persone
Non cesserà la musica finita la canzone

Ritornello

Virgola, virgola
Non è per forza così, è cosà
Virgola, virgola
Non ti sentire ridicola
Vivila, anche se è una briciola
Piccola, piccola
Virgolaaa

Virgola, virgola
Vivida canzone infinita
Virgola, virgola
Chi c’è dietro c’ho che limita?
Sei la tua sfida in questa partita
Virgola, virgola
Virgolaaa

Outro

Ad ogni muro io minuto, insicurezza che assicurava negatività
Risalivo e ricadevo, risalivo e ricadevo, ridevo per come cadevo…
E risalivo!
E così parlando al muro, dicevo che prima o poi è dall altra parte che sarei caduto

%d blogueiros gostam disto: